Verso Bruxelles

Ogni fine ha un nuovo inizio

Dal Treno Verde di Legambiente al Parlamento di Bruxelles e oltre!

Nonostante le emergenze e il grave ritardo di alcuni territori, l’Italia ha oggi tutte le carte in regola per fare da capofila nell’Europa dell’economia circolare.

Sempre più numerose le esperienze di gestione sostenibile dei rifiuti fondate su riciclaggio, raccolte differenziate domiciliari, sistemi di tariffazione puntuale, politiche di riuso e prevenzione, innovazione industriale e produzione energetica da fonti rinnovabili.
I Comuni ricicloni, consorzi pubblici e diverse aziende impegnate nel riciclo e nel recupero di materia dai rifiuti costituiscono esperienze di green economy eccezionali.

Sono stati questi i protagonisti speciali dell’edizione 2017 del Treno Verde: i Campioni dell’economia circolare. Perché tante realtà italiane hanno già investito e scommesso su un nuovo modello produttivo, chiudendo il cerchio e facendo dell’Italia la culla della nascente economia circolare e noi stiamo continuando a censirle e mapparle in giro per l’Italia.

Legambiente ha chiesto alle Istituzioni europee un quadro di norme molto ambizioso, con regole chiare e precise, per un tema decisivo per il futuro dell’Europa e dell’Italia. Una richiesta contenuta nel Manifesto dell’economia circolare che è stato sottoscritto a bordo del Treno Verde.

Il convoglio ambientalista ha portato a Bruxelles le esperienze più rappresentative presentate a bordo del Treno Verde, per far conoscere le tante eccellenze che hanno scommesso su questo nuovo modello di sviluppo economico.

L’appuntamento è stato il 24 aprile con una tappa speciale a Bruxelles insieme ai 100 Campioni dell’economia circolare incontrando il vicepresidente della Commissione UE, Jyrki Katainen e l’eurodeputata Simona Bonafè.

 

*

No Records Found

Sorry, no records were found. Please adjust your search criteria and try again.

Google Map Not Loaded

Sorry, unable to load Google Maps API.

Sei un Campione dell'Economia circolare?

Invia la tua candidatura

I campioni che cerchiamo fanno parte dei settori della bioeconomia, della ricerca, dell’innovazione e dell’economia virtuosa. I campioni che cerchiamo mirano alla gestione e riutilizzo dei rifiuti per la produzione dei loro prodotti, partendo da un’accorta progettazione fino ad una dismissione controllata. Fanno parte di questi le piccole e medie imprese, ma  anche le start up innovative, che recuperano o utilizzano come materia prima, materie prime seconde che fino ad oggi finivano in discarica. Chi sul territorio riesce virtuosamente a ottimizzare la raccolta differenziata,  il riutilizzo, il riuso e la riparazione di prodotti.

La tua candidatura sarà valutata da Legambiente.