Catania, livelli di smog diffusi ma decibel alle stelle

Livelli di smog diffusi, seppur contenuti sotto i limiti di legge, ma decibel alle stelle: l’inquinamento acustico a Catania raggiunge livelli ben al di sopra di quelli consentiti dalla legge. Siamo ormai talmente assuefatti che non notiamo neanche più la sua presenza in quasi ogni momento della nostra vita, eppure ne siamo circondati: sembra un problema marginale ma l’inquinamento acustico ha conseguenze dirette sul benessere e sulla qualità della vita e sta diventando sempre più una minaccia per la salute pubblica secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Per combattere smog e rumore occorre un decisivo cambio di passo nel pensare lo sviluppo di una città: per questo Legambiente lancia la sua sfida all’amministrazione comunale per una nuova idea di mobilità, fatta di piste ciclabili e più trasporto pubblico locale, chiudendo al traffico le aree del centro storico.

È questa la fotografia scattata dal Treno Verde che nei giorni scorsi ha fatto tappa a Catania. Le proposte di Legambiente sono state presentate ieri mattina nel corso di un dibattito a bordo del Treno Verde a cui hanno preso parte Serena Carpentieri, responsabile Treno Verde di Legambiente; Carmelo Oliveri, tecnico dell’ufficio Ecologia ed Ambiente  del Comune di Catania; Salvatore Casabianca, responsabile U.O. Agenti Fisici della Struttura Territoriale di Catania; Antonio Conti, responsabile U.O. Agenti Fisici della Direzione Generale di ARPA Sicilia; Giuseppe Inturri, docente di Trasporti e Mobilità presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Catania; Roberto Grimaldi, struttura territoriale Arpa Catania; Annamaria Pace e Viola Sorbello di Legambiente Catania.

“Come ogni anno, nel corso del suo viaggio il Treno Verde seguirà un programma di monitoraggio della qualità dell’aria nelle città italiane per ribadire la necessità che questa diventi una priorità di governo, a scala locale, regionale e nazionale, altrimenti continueremo a condannare i cittadini italiani a respirare aria inquinata – afferma Serena Carpentieri, responsabile del Treno Verde di Legambiente -. Occorre uscire dalla logica dell’emergenza e garantire un diverso modo di pianificare gli spazi nelle aree urbane, oltre a investimenti nella riqualificazione e nell’innovazione nell’edilizia e nel riscaldamento, sistemi di mobilità innovativi e investimenti sul verde urbano. Serve però anche più trasparenza nei confronti dei cittadini. È ad esempio intollerabile che in Sicilia ancora manca una adeguata informazione ai cittadini sullo stato della qualità dell’aria nelle città: solo a Catania e Palermo i comuni e gli enti preposti hanno un sito in cui è possibile consultare i dati giornalieri dei vari inquinanti; mentre queste informazioni sono assenti in tutti gli altri capoluoghi della regione”.

La città di Catania e la sua amministrazione deve sapere cogliere la sfida per disegnare la città di domani, utilizzando le migliori esperienze che già oggi sono una realtà per centri urbani sempre più smart, partecipativi e inclusivi.

“È tempo di passare dalle parole ai fatti – dichiara Annamaria Pace di Legambiente Catania -. All’amministrazione comunale chiediamo innanzitutto di aggiornare e rendere finalmente esecutivo il Piano generale del traffico urbano, approvato ormai cinque anni fa ma fino ad oggi dimenticato in un cassetto e mai attuato. Da quest’importante strumento parte la pianificazione ragionata di una città che purtroppo ancora oggi è schiava dell’auto privata. Occorre invece fermare l’invasione dei mezzi inquinanti soprattutto nelle aree del centro storico, ampliando le aree pedonali (ad esempio Piazza S. Francesco, via Teatro Greco, Piazza Manganelli o la chiusura alle auto per l’intera giornata in via Cardinale Dusmet, in corrispondenza della porta Uzeda). Altro punto previsto dal Pgtu ma mai attuato è la realizzazione delle nuove linee Brt: non solo non sono state mai realizzate ma l’unica in funzione oggi necessita di urgente manutenzione. I cittadini devono riappropriarsi degli spazi di questa città – conclude Pace – e utilizzare l’auto privata deve diventare sempre più l’ultima scelta possibile da parte dei residenti”.

Tra le altre proposte di Legambiente per Catania la creazione di piste ciclabili, copiando ad esempio quello che accade a Grenoble, città gemellata con Catania, realizzando la pista del lungomare da Acitrezza fino all’Oasi del Simeto; realizzare finalmente un sistema di abbonamento integrato bus, metro e treno; la creazione di isole ambientali e zone a traffico 30.

Ancora, come dimostrano i dati del nostro monitoraggio e i livelli elevati di inquinamento acustico nei pressi degli edifici scolastici, è necessario impedire il transito ai mezzi privati elle strade in prossimità delle scuole nella fascia oraria di entrata e uscita e dare attuazione anche in questa città alla figura del mobility manager scolastico per portare avanti con successo i progetti di pedibus e bicibus.

IL MONITORAGGIO SMART DEL TRENO VERDE – MAPPA

Il monitoraggio del Treno Verde – realizzato grazie alla collaborazione con VALORIZZA brand di Studio SMA e Gemmlab, Orion, e con il contributo scientifico della Sapienza, del CNR e dell’Università IUAV di Venezia –non vuole sostituirsi ai controlli eseguiti dagli enti preposti, ma fornire un’istantanea, in termini d’inquinamento atmosferico e rumore, su alcuni percorsi all’interno dei quartieri delle nostre città. Proponiamo un approccio metodologico diffuso, una campionatura itinerante che, messa a regime, permetterebbe alle città di individuare le criticità e attuare risoluzioni concrete e mirate, a servizio del benessere e della sicurezza dei cittadini. I punti individuati per il monitoraggio – che grazie ad una strumentazione portatile consente di misurare i valori di inquinanti atmosferici (PM10, PM2,5, PM1) e acustici – vengono scelti in maniera tale da poter effettuare un confronto tra le diverse aree di un tessuto urbano (da quelle pedonali a quelle di maggior traffico) e in prossimità di luoghi più frequentati: scuole, mercati, zone commerciali, fermate dell’autobus, locali pubblici, luoghi di interesse e di ritrovo. Grazie a questo innovativo sistema è possibile rilevare le concentrazioni nell’aria delle polveri sottili e del rumore simulando i livelli di inquinamento che ogni cittadino respira spostandosi tra le strade cittadine.

Il controllo delle polveri sottili e del rumore è stato eseguito nei giorni 23, 24 e 25 febbraio in sei punti strategici della città: due aree del centro storico di Catania (Via Vittorio Emanuele nei pressi di piazza San Francesco D’Assisi e Piazza università – area pedonale); due arterie principali che connettono le periferie con la città (su via Giuffrida lungo la circonvallazione nord e in prossimità della rotatoria di via Via Lorenzo Bolano lungo la circonvallazione est); una via ad elevato scorrimento lungo viale Africa ed infine la strada di accesso nel plesso scolastico di Nesima in viale Biagio Pecorino.

In tutte le stazioni i decibel registrati dalla strumentazione di Legambiente hanno mostrato valori ben al di sopra dei limiti di legge: tre di queste (le due arterie e la via ad elevato scorrimento) hanno registrato valori di Leq oltre i 70 decibel (valori che secondo la normativa vigente non sarebbero permessi neanche nelle aree industriali), mentre le altre 3 stazioni (le due zone centrali e il plesso scolastico) hanno raggiunto valori medi compresi tra 65 e 69 db (il limite è rispettivamente di 60 db per le vie trafficate e 45 db per le aree protette come le scuole).

Per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico, il monitoraggio è stato eseguito con una strumentazione per le polveri sottili (PM10) ed una portatile per le polveri fini e ultrafini (PM10 – 2,5 e 1) nelle stesse zone: pur non essendo state registrate concentrazioni particolarmente elevate nei vari punti scelti (le medie orarie registrate variano dai 3 microgrammi a metro cubo su viale Africa ai 21 microgrammi di Piazza Università), c’è da evidenziare come la stazione di monitoraggio abbia mostrato concentrazioni di polveri sottili molto simili a quelle rinvenute in vie secondarie distanti qualche centinaio di metri dalla principale. A dimostrazione di come lo smog non riguardi solo le strade molto trafficate, ma si diffonda anche quelle nelle immediate vicinanze, magari meno trafficate, in cui si insediano attività sensibili, commerciali o residenziali, ed in cui i cittadini hanno la convinzione di una migliore qualità dell’aria.

12 Comments

  1. lil.ink ha detto:

    Certaіn factors that increase tһe chance of diabetes агe highlighted below:Family history ⲟf diabetes.
    When ʏou combine the data and idea of tһe true advantages оf eating һigh-energy, regenerating foods that ѡill create tһe flavors you wksh using theѕe ingredients, yoս һappen tο be heading to ɑn effective recovery from sickness time for health.
    Some signs οf diabetes ԝhich ʏou’ll wɑnt to bee aware оf incude excessive thirst,
    blurred eyesight, frequent urination, fatigue аnd sudden weight loss.

  2. payshop.us ha detto:

    I’m not tо imply thɑt they wll not Ƅe pοssible, ϳust ѕaying don’t rely on them anytime ѕoon. When you combine the іnformation and understanding οf the
    actual benefits of eqting һigh-energy, regenerating foods ɑnd build tһe taste yyou woulԁ like witһ one of thеse ingredients, you
    might be maneuvering to a powerful recovery fгom sickness
    returning to health. Ԍenerally, in tһis condition, the pancreas generates ⅼittle orr noo insulin.

  3. Painkillers suhch ɑs codeine or central oxycodone (Oxy – Contin) enables үߋu to relieve pain. Patients ᴡith postural
    hypotension ѕhould avօid alcohol, drink pleenty of
    water ɑnd stood up from many drugs tߋo hellp remedy postural hypotension, lioke fludrocortisone tto boost blood pressure.
    Ƭhese people ԝere best knoԝn to oԝn eaten herbs
    aѕ welⅼ aѕ otheг wild plants.

  4. Wonderful blog! Do you have any tips and hints for aspiring writers?
    I’m planning to start my own site soon but I’m a little lost on everything.
    Would you propose starting with a free platform like WordPress or go
    for a paid option? There are so many options out there that I’m totally overwhelmed ..
    Any tips? Appreciate it!

  5. http://www.summit.ba/strategies-wearing-marketing-ones-own-mobile-app-keenmobi/

    Hey there would you mind stating which blog platform you�re using? I�m going to start my own blog soon but I�m having a difficult time deciding between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal. The reason I ask is because your layout seems different…

  6. mebel kantor ha detto:

    Oh my goodness! Incredible article dude! Many thanks, However I am
    going through troubles with your RSS. I don’t understand the
    reason why I cannot subscribe to it. Is there anybody having similar RSS problems?
    Anybody who knows the solution will you kindly
    respond? Thanks!!

  7. car and driver ha detto:

    Thank you to have shared info … this blog is very good and very interesting article … I have visited this blog several times and already bookmarkcar and driver

  8. You have brought up a very goodd points, appreciate it for
    the post.

  9. BestLawanna ha detto:

    I see you don’t monetize your website, don’t waste your traffic, you can earn additional cash every
    month because you’ve got hi quality content.
    If you want to know how to make extra money,
    search for: Ercannou’s essential adsense alternative

  10. Quality content is the important to attract the people to visit the site,
    that’s what this web site is providing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *