Premiati “i RinnovAbili”, la testimonianza di chi produce grazie ai nuovi modelli energetici

A bordo del Treno Verde nella tappa marchigiana Legambiente ha premiato “I RinnovABILI”, realtà che hanno scommesso su nuovi modelli energetici attraverso rinnovabili, efficienza e che fanno a meno di petrolio, gas e carbone.

Tra i premiati il Comune di Belforte del Chienti che ha deciso di investire nella solarizzazione della palestra comunale e dello spogliatoio del campo di calcio per soddisfare i fabbisogni energetici termici per la produzione di acqua calda sanitaria. Altra importante realtà è quella dell’Oleificio Montenovo che dal 2010 utilizza esclusivamente energia elettrica autoprodotta attraverso un impianto fotovoltaico di oltre 100 kW. Ma anche l’Università di Camerino che attraverso il finanziamento del progetto MATREND che ha realizzato l’installazione di un impianto geotermico a bassa entalpia composto da una pompa di calore alimentata da due sonde in pozzi da 100 m, una cela a combustibile ad ossidi solidi (SOFC), un accumulatore elettrico ed uno termico, sensori per il monitoraggio in tempo reale dei parametri relativi alle diverse installazioni, quadri di controllo, software dedicato per la gestione dei dati. Si stanno svolgendo test per il monitoraggio del comportamento del sottosuolo nel tempo e per il miglioramento del comportamento dei cementi di riempimento dei pozzi geotermici. Situata nel cuore del Piceno, nella valle del fiume Tronto, l’azienda Vigneti Vallorani allo scopo di ridurre l’impatto ambientale ha isolato termicamente dall’ambiente esterno tutte le strutture e ha costruito la barricaia sotto il livello del terreno in modo da mantenere una temperatura sempre costante in cantina e nei luoghi di stoccaggio dei vini senza l’utilizzo di condizionatori.

La cantina ha al suo servizio un impianto fotovoltaico di circa 13 kW, installato sul tetto della rimessa attrezzi, che copre circa l’80% del suo fabbisogno energetico annuo. In questo modo l’energia impiegata per le attività di produzione è quasi interamente prodotta da fonti rinnovabili senza nessun impatto sull’ambiente. Nel Comune di San Severino Marche (MC) il bioagriturismo Le Origini nell’offrire ai propri clienti i propri prodotti, ha la consapevolezza nel farlo con un’impronta sostenibile, infatti nel loro modello di sviluppo e di business che obbligatoriamente è legato al profitto, hanno scelto il sole come fonte energetica principale realizzando due impianti fotovoltaici, rispettivamete da 20 kW e  3 kW, che fornisce tutta l’energia necessaria all’azienda.

Da quest’anno, a bordo del convoglio ambientalista, anche Civico 5.0 un altro modo di vivere il condominio, pensato per sensibilizzare cittadini, amministrazioni e costruttori sull’importanza di un nuovo modello di vivere e progettare i condomini e i suoi spazi; dando consigli utili e strumenti concreti per migliorare la qualità della vita dei palazzi condominiali, per capire come abbattere i costi in bolletta e dire ‘basta’ a alle case colabrodo.

In Italia sono 11,9 milioni di edifici residenziali  il 79,3% degli edifici totali – con 30,6 milioni di abitazioni e di questi, di questi oltre 2 milioni si trovano in uno stato di conservazione mediocre e pessimo, pari al 16,8% del totale. Nelle Marche invece, sotto il trend nazionale, il 14,1% degli edifici residenziale, si trova in uno stato di qualità mediocre e pessimo, pari a oltre 44mila edifici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *